Cosa stai cercando?

Patrizia Pepe sceglie la soluzione 2D/3D di EFI Optitex e inaugura una partnership strategica

Milano, 2 Ottobre 2017 – EFI™ Optitex, fornitore leader globale di una piattaforma software di progettazione integrata 2D & 3D CAD/CAM per il Fashion è lieta di annunciare una nuova partnership strategica con Tessilform, azienda toscana proprietaria del noto brand Patrizia Pepe.

La collaborazione si traduce nell’installazione di un’ampia configurazione software 2D e 3D all’interno dell’azienda Patrizia Pepe che oggi dà inizio alla trasformazione digitale nel reparto abbigliamento per poi estenderla anche a quello della pelletteria.

Valutando il 3D come una tecnologia chiave per affrontare le nuove sfide del mercato odierno, Patrizia Pepe ha scelto la piattaforma EFI Optitex dopo un’accurata selezione delle diverse offerte sul mercato.

“EFI Optitex è un partner affidabile e leader consolidato di tecnologie software all’avanguardia con la maggior esperienza in materia di implementazione delle soluzioni integrate 2D e 3D”, rivela Sebastiano Lombardo, General Manager di Patrizia Pepe.

“Con l’inserimento delle soluzioni digitali EFI Optitex nelle fasi di progettazione e produzione, ci aspettiamo una riduzione del time-to-market del 30%, un’ottimizzazione dei processi interni e una significativa diminuzione dei costi. In più, vorremmo poter sviluppare un numero maggiore di proposte di qualità per incontrare tutte le necessità della nostra clientela”, aggiunge Sebastiano Lombardo.

Asaf Landau, Vice President e General Manager di EFI Optitex, afferma che “la partnership con Tessilform è davvero significativa in quanto il brand Patrizia Pepe è un altro marchio di punta nel Fashion che ha deciso di dotarsi del 3D per ottenere un vantaggio competitivo attraverso la trasformazione digitale. Stiamo vivendo una sensibile accelerazione nell’adozione del 3D da parte di aziende leader che stanno guidando l’evoluzione del settore”.

Il portfolio clienti di EFI Optitex conta circa 8,000 aziende nell’abbigliamento tra cui brand conosciuti in Italia e nel mondo.

EFI dà impulso al tuo successo.

Sviluppiamo tecnologie innovative che collegano il mondo virtuale a quello fisico con una delle gamme di prodotti più ampie del settore per la produzione di materiali tessili, segnaletica, imballaggi, ceramica, documenti personalizzati e cartone ondulato. Il software EFI Optitex è uno dei fornitori leader a livello mondiale di piattaforme integrate di progettazione 2D/3D che consentono di creare rapidamente capi digitali 3D realistici e fornisce alle aziende di abbigliamento e del settore tessile gli strumenti per rivoluzionare le modalità di creazione, di produzione e di commercializzazione dei loro prodotti.  Per maggiori informazioni visita il sito www.efi.com/optitex.

Optitex presenta le innovazioni digitali di ultima generazione al Texprocess Americas 2016

Optitex presenta le innovazioni digitali di ultima generazione al Texprocess Americas 2016

New York, 19 aprile 2016 – Optitex, azienda leader di soluzioni software CAD 2D e 3D per il fashion, è lieta di annunciare la sua partecipazione alla fiera Texprocess Americas 2016, la più grande fiera campionaria del Nord America dedicata ai macchinari e alla tecnologia per lo sviluppo, la lavorazione e la produzione di materiali tessili e prodotti cuciti. Quest’anno la fiera si terrà ad Atlanta, Georgia. Il team Optitex sarà lieto di incontrare i visitatori nella Hall B1, stand 623, dal 3 al 5 maggio.

Presso lo stand Optitex, i partecipanti avranno la possibilità di scoprire le innovazioni digitali e le nuove funzionalità disponibili per il settore dell’abbigliamento e dei materiali tessili. Optitex presenterà delle dimostrazioni live dell’ultima versione del software della casa, O/15.5, che include una lunga serie di miglioramenti e innovazioni a livello di funzionalità 2D e 3D, piazzamento automatico, pianificazione della produzione con il Cutplan, funzionalità integrate su pieghe e cuciture e tanto altro ancora.

I visitatori avranno la possibilità di scoprire come aumentare il potere della tecnologia 3D per creare prototipi digitali 3D estremamente realistici da utilizzare nell’intero ciclo di vita del prodotto, dalle fasi iniziali di design e sviluppo fino a quelle finali che hanno per oggetto le attività di vendita, marketing e persino e-commerce con l’app Optitex Digital Collection.

Yoram Burg, Presidente di Optitex US & Canada, darà il suo contributo come moderatore di un dibattito dal titolo “Present and Future Trends in Product Development”. Nel corso della sessione, che si terrà il 3 maggio a partire dalle 8:30, i partecipanti si confronteranno su come l’automazione e la robotica stanno profondamente cambiando i processi di lavorazione e su quello che sarà il futuro del settore alla luce di questi cambiamenti epocali.

“Il mercato americano dell’abbigliamento è uno dei più innovativi e sono sempre più numerosi i clienti che scelgono di adottare la tecnologia 3D per risparmiare tempo, ridurre i costi e migliorare i prodotti. Siamo entusiasti all’idea di guidare la rivoluzione che sta portando l’industria del fashion ad adottare il 3D e siamo ben lieti di condividere le nostre funzioni e innovazioni più nuove con i partecipanti al Texprocess Americas” ha aggiunto Yoram Burg, Presidente di Optitex US & Canada.

Poiché il 3D è la tecnologia che attualmente ha il maggior impatto su tutto il settore del fashion, la conferenza ospiterà un dibattito incentrato sull’evoluzione di questa tecnologia. Under Armour, azienda leader nello sportswear, condividerà con il pubblico la sua esperienza di successo con la tecnologia 3D targata Optitex, illustrando come questa innovazione ha permesso loro di creare prodotti che rispondono esattamente alle necessità degli atleti.

Per saperne di più e fissare un incontro con il team Optitex al Texprocess, fare clic qui o contattare: optitex.usa@optitex.com.

Optitex

Optitex fornisce alle aziende di abbigliamento gli strumenti per rivoluzionare le modalità di creazione, di produzione e di commercializzazione dei loro prodotti. Con la sua eccezionale piattaforma integrata 2D/3D per il settore dei materiali tessili, Optitex offre ai clienti gli strumenti e la potenza necessari per creare il capo digitale una volta e poi riutilizzarlo un numero infinito di volte, dalla fase di sviluppo fino al marketing. Grazie a una soluzione completa supportata da livelli know-how, creatività e innovazione senza pari, Optitex garantisce ai suoi clienti un posto in prima fila e dà loro la certezza di poter sempre contare su una tecnologia all’avanguardia. In questo modo i clienti possono ridurre drasticamente i tempi di commercializzazione e i costi, aumentando nel contempo la loro competitività.

Optitex sponsor gold e relatore all’IT4Fashion 2016: “3D Changing Fashion”

Optitex sponsor gold e relatore all’IT4Fashion 2016: “3D Changing Fashion”

Milano, Italia, 18 Aprile 2016 – Optitex, azienda leader di soluzioni software CAD 2D e 3D per il fashion, è lieta di annunciare la sua sponsorizzazione Gold all’edizione 2016 dell’IT4fashion– il più grande convegno in Italia per le tecnologie ICT a supporto del settore moda. Quest’anno l’evento si terrà dal 20 al 22 Aprile a Firenze presso la Manifattura Tabacchi. I visitatori potranno incontrare il team allo Stand G6 per conoscere tutte le novità della piattaforma integrata 2D/3D di Optitex.

Poichè il 3D è la tecnologia che attualmente ha il maggior impatto su tutto il settore del fashion, Asaf Landau, CEO di Optitex presenterà un discorso in plenaria Mercoledì 20 Aprile alle ore 14.30 dal titolo “3D is Changing Fashion”. Tutti i partecipanti potranno così conoscere dove si sta dirigendo l’industria della moda e l’importanza della creazione e dell’uso di capi 3D digitali in tutto il processo del settore: dal design allo sviluppo del prodotto, merchandising, vendite fino al coinvolgimento del consumatore finale.

“La tecnologia ha creato sempre nuove opportunità per il fashion per essere più tempestivi, efficienti e accessibili ai clienti. Il 3D sta offrendo ai brand capacità mai avute sino ad ora e sta accelerando tutti i processi del time-to-market dando loro il vantaggio di predere decisioni in tempi sino ad ora impensabili”, afferma Asaf Landau, CEO di Optitex. “Siamo entusiasti di sponsorizzare il più grande evento in Italia in questo settore perchè l’Italia è il fulcro della moda su scala mondiale e nello stesso tempo base della filiale europea di Optitex.”

“IT4Fashion rappresenta una grande opportunità per tutti i professionisti del settore per conoscere le ultime novità e i trend di mercato e per Optitex l’occasione di condividere il nostro costante supporto a brand e retailer per rivoluzionare il modo di sviluppare, produrre e commercializzare nel fashion,” dice Antonio Sgroi, Country Manager Optitex Italy.

A causa della repentina evoluzione dei trend di mercato, le aziende nel settore stanno riflettendo su come gestire al meglio il time-to-market. In questa occasione speciale Under Armour, l’azienda statunitense leader nello sportswear condividerà con il pubblico la sua esperienza di successo con il 3D usato per creare prototipi virtuali riducendo tempi e costi oltre a creare prodotti che rispondono esattamente alle necessità degli atleti. Optitex spiegherà anche il suo impegno nel mondo accademico e nella preparazione dei giovani talenti di domani per stare al passo con il progresso tecnologico grazie a soluzioni 2D/3D sviluppate per essere più innovativi e ottenere grandi risultati in termini economici e formativi.

I partecipanti potranno anche incontrare il team Optitex allo stand G6 per approfondimenti e consulenze e per conoscere le ultilme novità della release in uscita O/15.5 che includono aggiornamenti della renderizzazione fotorealistica, l’applicazione Optitex Digital Collection e altri miglioramenti 2D e 3D, funzionalità integrate su pieghe e cuciture, nesting automatico e lo strumento di pianificazione della produzione con il Cutplan.

Per saperne di più, fissare un incontro con il team Optitex all’It4fashion, cliccare qui o contattare pr@optitex.com per eventuali dettagli stampa.

About Optitex

Optitex, multinazionale leader nella progettazione modelli per il mercato internazionale dell’abbigliamento e della pelletteria, fornisce alle aziende le soluzioni tecnologiche per rivoluzionare il modo di creare, produrre e commercializzare i loro prodotti.

Optitex è il principale fornitore di una piattaforma software integrata 2D/3D che consente ai clienti di progettare rapidamente capi 3D fotorealistici. Brand, retailer e produttori ora possono vedere le proprie collezioni in tutti i modelli e varianti colore con mesi di anticipo, sfruttando i modelli digitali per migliorare la collaborazione interna ed esterna all’azienda e commercializzare in modo più efficace incrementando le vendite. Fin dalla sua nascita nel 1988, il team Optitex lavora per mantenere all’avanguardia del progresso tecnologico migliaia di aziende e decine di migliaia di utilizzatori, consentendo loro di ridurre sensibilmente il time-to-market e contenere i costi, migliorandone il vantaggio competitivo.

Target ha convinto i suoi designer ad abbracciare la tecnologia 3D. Ecco come…

Nei pochi anni intercorsi da quando Target ha stretto un’alleanza strategica con Optitex, fornitore di prototipi virtuali 3D, i tempi di sviluppo dei prodotti si sono ridotti di circa due settimane e i campioni fisici sono diminuiti del 65%.

Davanti a dati come questi, sembra davvero incredibile che Alexis Kantor, Director of Apparel and Accessories Product Development, e Sandra Gagnon, NIT Senior Group Manager e 3D Virtual Product Development, abbiano dovuto combattere per convincere i team del secondo colosso statunitense della vendita al dettaglio a passare a una piattaforma virtuale.

Non sorprende che le maggiori difficoltà siano venute dal team addetto alla progettazione.

“Ci aspettavamo che i designer sarebbero stati i nostri maggiori supporter. Nelle nostre fantasie, sarebbero stati entusiasti di questa innovazione e – come in tutte le favole che si rispettino – tutti avremmo vissuto felici e contenti nel fantastico mondo della tecnologia virtuale 3D!!! Peccato che le cose non siano andate proprio così e l’ingresso nel nuovo mondo si sia rivelato un po’ più problematico del previsto” ha spiegato Kantor. Ricordi che oggi la fanno sorridere e che ha voluto condividere con i partecipanti alla conferenza Product Innovation

Apparel che si è tenuta a New York martedì e nel corso della quale ha raccontato la complessa transizione di Target allo sviluppo 3D. “Ma qual era il problema? Di cosa avevano paura? Non ci abbiamo messo molto a capire che i nostri team temevano che noi volessimo rivoluzionare il modo in cui pensavano e creavano… mentre tutto ciò che volevamo noi era che provassero a utilizzare uno strumento diverso.”

Come se tutto ciò non bastasse, ha aggiunto Gagnon, convincere chi era già scettico in partenza non era facile, soprattutto dal momento che le immagini virtuali che venivano loro presentate non sembravano essere all’altezza della situazione.

Kantor si è detta d’accordo: “Avevamo assolutamente bisogno di guadagnarci la loro fiducia, e dovevamo farlo in fretta. La moda è anche uno stato emotivo, una sensazione: hai bisogno di toccarla, di sentirla, è un’esperienza tattile. Era estremamente difficile convincerli che fosse possibile prendere le decisioni migliori semplicemente vedendo un campione virtuale, quindi la nostra unica chance era instillare in loro la fiducia di cui avevano bisogno per accettare questo cambiamento.”

“Ma la tecnologia è migliorata in maniera davvero impressionante e questo ha fatto sì che le immagini diventassero sempre migliori” ha spiegato Gagnon, aggiungendo poi “Ci siamo affidati a una suite completa di software per ottenere questo risultato ed è stata una scelta vincente perché ci ha permesso di creare dei manichini virtuali, dei veri e propri avatar, che i designer possono usare per valutare il look & feel del capo. In questo modo possono sentirsi più tranquilli perché sentono di avere un maggiore controllo sulla situazione.”

Ma la vera chiave di volta in questa avventura è stata l’aggiunta di strumenti per testare il drappeggio e l’inserimento di migliori texture, così come di bottoni e decorazioni, che hanno reso la soluzione più affidabile agli occhi dei team che si occupano del design. “L’aggiunta di texture e illuminazione ha rappresentato davvero una rivoluzione”, ha spiegato. “Se i team sanno che i tessuti che utilizzano saranno sottoposti a un test fisico, che ne verrà verificata l’elasticità, la frizione e più in generale il comportamento quando indossati da un modello in movimento, si sentono molto più tranquilli. E tutti questi test vengono eseguiti semplicemente immettendo le proprietà fisiche del tessuto nel software, in modo da avere la certezza che ciò che vediamo sull’avatar è proprio l’aspetto che avrà il capo una volta indossato.”

“Siamo riuscite a fare il modo che la tecnologia virtuale si guadagnasse la fiducia dei nostri collaboratori presentando loro una resa fotorealistica”, ha concluso Kantor.

Ciò includeva anche l’utilizzo di manichini che, come spiegato da Gagnon, offrivano ai retailer Target un’idea di quello che sarebbe stato il prodotto, con mesi di anticipo rispetto a quando sarebbero stati in grado di vedere un campione fisico.

Come ha spiegato Kantor “È stato fantastico poter vedere i vantaggi che questo cambiamento ha portato ad altri settori dell’azienda. In passato qualsiasi decisione richiedeva tempi infiniti perché per prenderla erano necessari incontri e riunioni plenarie. Adesso, invece, possiamo scambiarci idee e opinioni in tempo reale, senza allontanarci dalla nostra scrivania e condividere queste informazioni con tutte le persone interessate. All’inizio, quando pensavamo alla velocità, ci limitavamo a considerare la velocità nella fase di sviluppo dei prodotti, ma adesso ci rendiamo conto che con questa nuova tecnologia tutte le attività sono diventate molto più veloci.”

Gagnon ha confermato questa idea. “È evidente che una rivoluzione come questa richiede una fase di adattamento ed è indubbio che i nostri team abbiamo dovuto riorganizzare la loro mentalità e il loro modo di lavorare, ma adesso possono davvero apprezzarne i frutti, tutti i pezzi di questo grande puzzle sono andati al loro posto e il risultato è assolutamente fantastico. Una volta creati i capi 3D, è possibile prendere ulteriori decisioni visualizzandoli in vari colori e stili, verificando così l’aspetto finale che avranno nel punto vendita. In questo modo, anche prendere una decisione diventa molto più facile” ha spiegato.

Sebbene questa tecnologia abbia indubbiamente migliorato il modus operandi dell’azienda, Kantor si è detta convinta che non potrà mai sostituire completamente i campioni fisici. “Vorrei davvero che fosse possibile! Ma anche il semplice fatto di sapere che possiamo ripetere gli stili ed eseguire tutta una serie di operazioni prima di avere bisogno del campione fisico è un enorme vantaggio” ha chiosato. “Abbiamo sviluppato numerosi prodotti con un rapporto medio di 3:1, a volte era più alto, a volte più basso… Il 3D ci dà l’opportunità di focalizzare la nostra attenzione e i nostri sforzi sull’individuazione dello stile che vogliamo e, grazie alle facilità di comunicazione che ci garantisce, diventa più semplice far capire a tutte le parti coinvolte ciò di cui abbiamo bisogno. Non è più necessario realizzare campioni a flusso continuo, possiamo ripetere gli stili e apportare eventuali adattamenti in tempi più rapidi. E naturalmente questo significa che riusciamo a ottenere il campione perfetto in tempi da record.”

“Nel settore della moda femminile, e ancor più nell’ambito del prêt-à-porter, la velocità è tutto” ha confermato Gagnor. “Con questa tecnologia 3D, se necessario possiamo realizzare 20 varianti diverse di una giacca nel giro di pochi minuti.”

Fai clic qui per l’articolo originale

Nuovo programma IEEE di collaborazione e standardizzazione per un’esperienza di shopping immersivo senza precedenti

IEEE, la più importante organizzazione al mondo per la promozione, lo sviluppo e la condivisione delle conoscenze tecnologiche in vari settori dell’ingegneria elettronica, della telecomunicazione e dell’informazione, ha annunciato il lancio di un nuovo programma IEEE Standards Association (IEEE-SA) Industry Connections (IC) che ha come obiettivo la messa a punto di nuovi standard, con i relativi servizi e prodotti, nell’ambito della tecnologia di body processing 3D. Per ottenere questo risultato punta sulla stretta collaborazione di tutte le parti coinvolte, da chi si occupa di tecnologia, ricerca e sviluppo degli standard fino a chi opera nel campo del retail. Tra i primi a dare la loro disponibilità a partecipare a questa importante iniziativa, troviamo nomi noti quali Body Labs; Browzwear; Fishman & Tobin (una divisione di Global Brands Group); Gerber Technology; Intel; Intervisual; Optitex; Size Stream; USC Center for Body Computing; USC Institute for Creative Technologies; Volumental; Zappos.

“Stiamo lavorando per allargare il nostro modo di pensare ai sistemi particolarmente complessi e per farlo stiamo facendo leva su un livello di innovazione e ricerca all’avanguardia così da ridurre possibili colli di bottiglia o criticità a livello di tecnologia o mercato. Allo stesso tempo, desideriamo accelerare la creazione di valori condivisi in un ambiente aperto e improntato alla collaborazione” ha affermato Luciano C. Oviedo, responsabile IEEE-SA IC 3D Body Processing Activity and Strategy & Product Development, Intel.

“Intel è entusiasta all’idea di poter collaborare con altre aziende del settore per dare il suo contributo allo sviluppo di standard aperti che possano rivoluzionare lo shopping con una visualizzazione più realistica del modello del corpo che, ne siamo convinti, presto diventerà un must. Dare ai clienti la possibilità di avere una visione estremamente realistica del capo e poter valutare come si adatterà al loro fisico prima di effettuare l’acquisto presenta un doppio vantaggio: il cliente riesce a eliminare i dubbi che sempre lo attanagliano quando si trova ad acquistare un capo di abbigliamento online e i retailer possono ottenere un notevole risparmio nel lungo periodo. Le piattaforme che offrono un’esperienza di shopping di altissima qualità e che non esito a definire ‘immersiva’ rappresentano un’eccezionale opportunità per l’ecosistema in generale” ha aggiunto Sanjay Vora, VP, Client Computing Group, Intel.

“A tutt’oggi non esiste uno standard universale per le misure delle calzature che venga utilizzato da tutte le aziende che, a livello mondiale, operano in questo settore. Ma qualcosa si sta muovendo… e non è un caso che le funzioni di misurazione e scansione 3D stiano prendendo sempre più piede… perdonatemi il gioco di parole, ma mi pare appropriato! Queste tecnologie stanno diventando parte integrante dell’esperienza di shopping, ormai sono alla base dell’acquisto di calzature personalizzate e dell’offerta di consigli per la scelta della misura migliore. Tutto ciò detto, è evidente che siamo entusiasti di poter partecipare alla creazione di un nuovo standard per questo settore” ha spiegato Josef Grahn, VP, Technology, Volumental.

“Abbiamo già affrontato le sfide rappresentate dall’esigenza di sviluppare sistemi in grado di supportare più sistemi operativi e di aprire la nostra piattaforma. Quindi siamo pronti ad affrontare con entusiasmo e determinazione anche questa nuova sfida, convinti come siamo del potenziale degli standard nel garantire l’interoperabilità e l’interconnettività nell’ecosistema” ha detto Avihay Feld, COO, Browzwear.

Grazie ai continui passi avanti che si sono fatti e si continuano a fare nell’ambito del body processing – basti pensare alle funzioni di scansione, modellazione e visualizzazione 3D – sta diventando sempre più facile costruire modelli estremamente realistici e accurati di oggetti inanimati, come possono essere gli abiti, così come di oggetti animati, come nel caso del corpo umano. La sinergia di queste tecnologie consente di offrire al cliente un’esperienza di shopping davvero eccezionale, sia online che nel negozio. Infatti, il livello di immersione che è possibile raggiungere è incredibile in quanto il cliente ha la possibilità di vedere il look and feel dell’abito indossato, ed è importante sottolineare che non si tratta di vedere come l’abito ‘calza’ un manichino o una modella, ma proprio il cliente, con il suo fisico e le sue forme. Questo garantisce anche al cliente la possibilità di affinare un suo senso di stile personale grazie a rappresentazioni visive interattive ed estremamente realistiche. In quest’ottica si inseriscono gli sforzi testi alla standardizzazione di classificazioni e tipi di formati; metriche e specifiche qualitative; metodi di test; protocolli di comunicazione, condivisione e sicurezza; linee guida per quanto riguarda la privacy.

“L’esperienza di shopping online può essere completamente rovinata se si acquista un capo della taglia sbagliata. Siamo convinti che le tecnologie immersive, come quelle che stanno cercando di mettere a punto le aziende che partecipano a questa iniziativa, possono rappresentare, se non una soluzione tout court, comunque un aiuto a limitare questo rischio. Dedichiamo una notevole parte del nostro lavoro a valutare le diverse metodologie disponibili per migliorare l’esperienza dei nostri clienti e proprio grazie a questo siamo certi che la giusta sinergia tra le migliori tecnologie immersive ci permetterà di ottenere questo risultato in modi nuovi ed esaltanti” è stato il contributo di Galen Hardy, Senior Director, Clothing, Zappos.

Karsten H. Newbury, VP e Direttore Generale, Software, Gerber Technology, ha aggiunto “Nell’ambito della nostra esperienza con il settore della moda abbiamo avuto modo di apprezzare i vantaggi che è possibile ottenere dalla collaborazione di tutte le parti interessate affinché condividano le prospettive, le conoscenze e le esperienze così da dare vita a un valore condiviso. È un gioco di squadra dove tutti si impegnano per il raggiungimento di un fine comune e dove non conta il singolo individuo, ma il lavoro del team. L’iniziativa IEEE che punta alla definizione di standard per le operazioni di body processing 3D ha indubbiamente il potenziale per ottenere questo risultato così come molti altri all’interno della catena di valori che è alla base di un’esperienza di shopping immersivo.”

I principali membri stanno lavorando alla pianificazione di un gran numero di attività di ricerca e innovazione così come di operazioni nell’ambito degli standard nel corso del 2016 in modalità virtuale e faccia-a-faccia. A riunioni e incontri verranno aggiunti un forum online dedicato alle discussioni di gruppo, la possibilità di fare rete e la documentazione dei prodotti di lavoro.

“In qualità di fornitore di software per la creazione di collezioni virtuali di abbigliamento in 3D, siamo chiaramente interessati a che vengano messi a punto degli standard nella tecnologia di body processing per garantire l’uniformità e la qualità nelle sessioni di prova virtuali. La collaborazione con IEEE promuoverà l’interoperabilità nell’abbigliamento virtuale tanto quanto nel corpo virtuale, indipendentemente dalla loro origine. In quest’ottica Optitex, così come altre aziende del settore, potrà concentrarsi sull’innovazione nei rispettivi campi di attività” ha aggiunto Rony Goldenthal, CTO, Optitex.

Attraverso le attività IC, IEEE-SA semplifica la collaborazione tra organizzazioni e individui con mentalità simile affinché possano applicare il metodo del consenso per implementare in maniera veloce, efficiente ed economica queste tecnologie all’avanguardia. Le attività IC hanno la possibilità davvero unica di valorizzare le risorse IEEE in una forma personalizzata, così da ottenere una vasta gamma di risultati condivisi.

“Il potenziale degli standard per quanto riguarda la capacità di affrontare sfide quali metriche qualitative e protocolli per la forma, la posa e il movimento umano è davvero notevole. Questi standard possono ridurre la frammentazione consentendo alle singole parti di elaborare in modo uniforme i dati ottenuti dal sensore, estrarre le misure o la geometria del corpo dalle rispettive ubicazioni dati e integrarle facilmente in piattaforme estese” ha affermato Bill O’Farrell, cofondatore e CEO, Body Labs.

“Se riusciamo a creare gli standard giusti nel modo giusto, è una vittoria su tutti i fronti: i clienti possono godere di un’esperienza più piacevole sia quando acquistano che quando indossano il capo scelto e l’ecosistema può contare su una maggiore efficienza della supply-chain e migliore qualità del prodotto” ha concluso George Borshukov, fondatore e CEO, Intervisual.

Fai clic qui per l’articolo completo

Optitex promuove il 3D e partecipa all’iniziativa della IEEE Standards Association

New York, 11 gennaio 2016 – Optitex, azienda leader di soluzioni software CAD 2D e 3D per il fashion, ha deciso di partecipare all’iniziativa della IEEE Standards Association per rafforzare la collaborazione, la ricerca e la creazione di standard tecnologici per il body processing 3D.

A fronte di una crescente richiesta da parte dei consumatori di vivere un’esperienza di shopping il più possibile ‘personalizzata’, i brand puntano a incorporare la scansione, la modellazione e la visualizzazione 3D nelle loro procedure così da poter offrire ai loro clienti ciò che desiderano. Questo non significa solo essere in grado di creare capi personalizzati e precisi al millimetro, ma anche riuscire a realizzare prodotti qualitativamente migliori tout court grazie alle potenti funzionalità 3D ora disponibili.

Optitex, in qualità di azienda leader dell’innovazione nella tecnologia 3D e nel settore della moda, ha confermato la sua partecipazione all’iniziativa per creare degli standard per l’implementazione di queste tecnologie nell’industria del fashion. Questi standard includeranno protocolli di condivisione e specifiche su qualità, comunicazioni e privacy.

Nel frenetico mondo della moda, riuscire a raggiungere il mercato, e di conseguenza i clienti, in tempi sempre più ridotti e con prodotti di qualità sempre più elevata è diventato un must. “In qualità di fornitore di software per la creazione di collezioni virtuali di abbigliamento in 3D, siamo chiaramente interessati a che vengano messi a punto degli standard nella tecnologia di body processing per garantire l’uniformità e la qualità nelle sessioni di prova virtuali. La collaborazione con IEEE promuoverà l’interoperabilità nell’abbigliamento virtuale tanto quanto nel corpo virtuale, indipendentemente dalla loro origine. In quest’ottica Optitex, così come altre aziende del settore, potrà concentrarsi sull’innovazione nei rispettivi campi di attività.” – Rony Goldenthal, CTO, Optitex.

Sebbene vi siano ancora degli ostacoli e siano necessari ulteriori studi e ricerche nell’ambito del body scanning, Optitex è onorata di far parte di un team di innovatori che desiderano portare avanti una campagna di creazione e implementazione di standard per la realizzazione di prodotti migliori così da garantire la massima soddisfazione dei clienti.

Optitex
Optitex fornisce alle aziende di abbigliamento e del settore tessile gli strumenti per rivoluzionare le modalità di creazione, di produzione e di commercializzazione dei loro prodotti. Optitex è il principale fornitore a livello mondiale di una piattaforma software integrata 2D/3D che consente ai clienti di creare rapidamente capi digitali 3D realistici e attraenti. Brand, retailer e produttori possono ora visualizzare le loro collezioni con diversi stili e colori in tempi molto più brevi rispetto al passato e sono in grado di valorizzare i loro capi digitali per ottimizzare la collaborazione, il time-to-market e la vendita. A partire dalla sua fondazione nel 1988, Optitex ha profuso tutto il suo impegno affinché migliaia di aziende e decine di migliaia di utenti potessero contare su una tecnologia innovativa che consentisse loro di ridurre i tempi di commercializzazione e costi, aumentando nel contempo la loro competitività.

Informazioni di contatto
Dana Aroch-Soffer
Director, Corporate Marketing
e-mail: pr@optitex.com

Optitex presenta la versione O/15, con innovazioni e miglioramenti rivoluzionari nella simulazione 3D

La nuova versione della suite di creazione di prodotti 3D O/Dev crea campioni digitali più realistici e migliora l’efficienza della procedura di sviluppo dei prodotti tessili.

New York, 15 luglio, 2015 – Oggi Optitex, fornitore leader di soluzioni di prodotti digitali CAD 2D e 3D per l’industria tessile, ha rilasciato la versione O/15 della propria suite di creazione di prodotti 3D O/Dev. Il pacchetto software aggiornato consente alle aziende di moda e abbigliamento di migliorare la loro competitività grazie a funzionalità avanzate, produttività e facilità d’uso durante tutto il processo di sviluppo, dalla progettazione 2D alla realizzazione di campioni digitali 3D realistici.

Optitex O/15 semplifica diversi aspetti della progettazione di modelli 2D e introduce innovazioni e miglioramenti originali nella simulazione 3D. Gli utenti possono ottenere un aspetto realistico dei loro progetti digitali con una facilità e velocità mai visti prima. I progressi nel campo della simulazione 3D conferiscono un aspetto più realistico ai progetti digitali, come ad esempio pieghe di aspetto naturale, colletti e polsini autentici e parti rigide integrate.

Una procedura più veloce e semplice consente di risparmiare tempo a partire dal primo punto sullo schermo al campione digitale 3D finale. Oltre a ridurre fino al 50% le operazioni necessarie per i punti, la versione aggiornata del software, munita del nuovo strumento Equal Grade, consente agli utenti di sviluppare i modelli 2D in base a dimensioni diverse in pochi passi. Inoltre, gli utenti possono apportare modifiche al progetto 2D e visualizzare all’istante i risultati in 3D, senza dover aggiornare lo schermo.

Altri miglioramenti includono una libreria di campioni migliorata con una serie più ricca di avatar, animazioni, tessuti ed elementi di ritaglio pronti all’uso, nonché un’interfaccia più intuitiva del software 2D/3D stesso.

“La versione O/15 migliora il nostro software già apprezzato dal mercato, aggiungendo funzionalità che fanno aumentare di livello le soluzioni per la moda digitale”, ha dichiarato Asaf Landau, CEO di Optitex. “L’uso del software consente alle aziende della moda di migliorare la loro efficienza in termini di produttività durante il processo di progettazione e sviluppo digitale, dalla creazione di modelli 2D alla prototipia digitale 3D come mai prima d’ora. Ciò permette di accelerare il processo decisionale, restando comunque nell’ambiente digitale, migliorando la creatività e risparmiando tempo e denaro migliorando il vantaggio competitivo”

Contatti
Dana Aroch-Soffer
Director, Corporate Marketing

E-mal:  pr@optitex.com

Optitex
Optitex fornisce alle aziende di abbigliamento e del settore tessile gli strumenti per rivoluzionare le modalità di creazione, di produzione e di commercializzazione dei loro prodotti. Optitex è il principale forni-tore a livello mondiale di una piattaforma software integrata 2D/3D che consente ai clienti di creare rapidamente capi digitali 3Drealistici e attraenti. Brand, retailer e manufacturer ora possono vedere le proprie collezioni in tutti i modelli e colori con mesi di anticipo, sfruttando i capi digitali per collaborare, commercializzare e vendere meglio di prima. Fin dalla sua nascita nel 1988, Optitex ha lavorato per mantenere migliaia di aziende e decine di migliaia di utilizzatori all’avanguardia del progresso tecnologico, consentendo loro di ridurre sensibilmente i tempi di commercializzazione e i costi, migliorandone il vantaggio competitivo.

Optitex esalta l’ispirazione digitale come sponsor principale di PI Apparel 2015

New York, 18 GIUGNO, 2015 – Oggi Optitex, fornitore leader di soluzioni di prodotti digitali CAD 2D e 3D per l’industria tessile, è lieta di annunciare la sua partecipazione e sponsorizzazione al PI Apparel 2015, che si terrà a New York, il 23 e 24 giugno.

PI Apparel, un evento fondamentale nel calendario annuale del settore tessile a livello mondiale, fa incontrare i rappresentanti delle industrie della moda, dell’abbigliamento e delle calzature per discutere delle sfide e delle opportunità offerte dalle moderne tecnologie nel tentativo costante di migliorare e semplificare i cicli di vita dei prodotti, dalla loro nascita sino al declino. Quest’anno la conferenza si terrà presso il prestigioso Union League Club di Manhattan, Questa nuova location è considerato un vero e proprio cambio generazionale, visto che in passato l’evento si teneva a Londra.

Optitex parteciperà all’evento come top sponsor, con Asaf Landaru, CEO di Optitex, che terrà un discorso introduttivo sui vantaggi rivoluzionari offerti dal recente rilascio della versione O/15 del software Optitex e delle nuove applicazioni basate sul cloud.

“PI Apparel è un’ottima opportunità per i professionisti dell’industria della moda, in quanto consente di aggiornarsi sulle ultime tendenze e gli ultimi progressi tecnologici. Siamo lieti di dare il nostro sostegno a questo importante evento del settore, nel corso del quale dimostreremo come Optitex sia in grado di aiutare progettisti, sviluppatori e  produttori a risolvere molte problematiche”, ha dichiarato Landau.

“Si tratta di digitalizzare il prodotto base di un’industria della moda che oggi vale 1,3 trilioni di dollari e che ha un enorme impatto sulle capacità industriali e sul modus operandi del settore della moda. Stiamo già assistendo a un notevole interesse del mercato nei confronti dei prodotti digitali. Ormai è possibile vedere campioni di vendita nel giro di poche ore e apportare modifiche in pochi secondi, consentendo ai responsabili della progettazione e ai tecnici di lavorare insieme per vedere il prodotto ottenuto. Siamo in grado di visualizzare numerose gamme cromatiche senza dover aspettare per lunghi mesi l’arrivo del tessuto. È possibile vedere la collezione con un livello di qualità, pari a quello delle vendite di campioni, tre settimane dopo gli schizzi di progettazione, invece che cinque o sei mesi dopo, per poi scegliere tranquillamente le soluzioni migliori”

Per saperne di più e organizzare una riunione con Optitex a PI Apparel, contattare:

Dana Aroch-Soffer
Director, Corporate Marketing
E-mail:  pr@optitex.com

Optitex
Optitex fornisce alle aziende di abbigliamento e del settore tessile gli strumenti per rivoluzionare le modalità di creazione, di produzione e di commercializzazione dei loro prodotti. Optitex è il principale forni-tore a livello mondiale di una piattaforma software integrata 2D/3D che consente ai clienti di creare rapidamente capi digitali 3Drealistici e attraenti. Brand, retailer e manufacturer ora possono vedere le proprie collezioni in tutti i modelli e colori con mesi di anticipo, sfruttando i capi digitali per collaborare, commercializzare e vendere meglio di prima. Fin dalla sua nascita nel 1988, Optitex ha lavorato per mantenere migliaia di aziende e decine di migliaia di utilizzatori all’avanguardia del progresso tecnologico, consentendo loro di ridurre sensibilmente i tempi di commercializzazione e i costi, migliorandone il vantaggio competitivo.

 

Optitex al Texprocess 2015

Optitex svelerà la versione O/15, con le più recenti innovazioni nella simulazione digitale 3D e il processo di sviluppo dei campioni, dal 4 al 7 maggio, al Texprocess, Hall 4.0, stand B43

New York, 16 MARZO 2015 – Oggi Optitex, fornitore leader di soluzioni di prodotti digitali CAD 2D e 3D per l’industria tessile, è lieta di annunciare la sua partecipazione alla fiera Texprocess 2015 di Francoforte, la principale fiera internazionale del settore della lavorazione di tessili e altri materiali cuciti. Lo stand di Optitex sarà aperto a tutti i visitatori nella Hall 4.0, stand B43, dal 4 al 7 maggio.

Con la versione O/15 della sua piattaforma integrata 2D/3D, il cui rilascio è previsto in occasione del primo giorno della fiera (4 maggio), i partecipanti al Texprocess saranno tra i primi a prendere contatto con le innovazioni rivoluzionarie di Optitex nel campo delle soluzioni digitali per lo sviluppo, la produzione e il marketing dell’industria tessile

Presso lo stand si svolgeranno dimostrazioni live dell’ultima versione software di Optitex, il quale consente progressi incredibili nel campo della creazione digitale 3D e dello sviluppo di capi di abbigliamento, borse e altri prodotti tessili, con simulazioni realistiche e processi più veloci e semplici. Brevi filmati trasmessi nel corso della fiera illustreranno come le principali aziende del settore stanno usufruendo delle soluzioni Optitex.

Chi desidera veramente sfruttare le tendenze digitali nel campo dello sviluppo, della produzione e del marketing tessile è invitato a visitare l’angolo dell’innovazione Optitex. Quest’area dedicata dello stand fornisce un’anteprima delle future app e soluzioni software.

“I visitatori di Texprocess vengono a Francoforte alla ricerca di innovazione e sicuramente ne troveranno in abbondanza presso lo stand Optitex”, ha dichiarato Asaf Landau, CEO di Optitex. “Saremo lieti di incontrare sia i nostri clienti che potenziali, nonché i partner, e di mostrare loro come possiamo fornire alle aziende del settore tessile l’ispirazione digitale dalla fase di sviluppo fino al marketing.”

Optitex

Optitex fornisce alle aziende di abbigliamento e del settore tessile gli strumenti per rivoluzionare le modalità di creazione, di produzione e di commercializzazione dei loro prodotti. Optitex è il principale forni-tore a livello mondiale di una piattaforma software integrata 2D/3D che consente ai clienti di creare rapidamente capi digitali 3Drealistici e attraenti. Brand, retailer e manufacturer ora possono vedere le proprie collezioni in tutti i modelli e colori con mesi di anticipo, sfruttando i capi digitali per collaborare, commercializzare e vendere meglio di prima. Fin dalla sua nascita nel 1988, Optitex ha lavorato per mantenere migliaia di aziende e decine di migliaia di utilizzatori all’avanguardia del progresso tecnologico, consentendo loro di ridurre sensibilmente i tempi di commercializzazione e i costi, migliorandone il vantaggio competitivo.

Per saperne di più di organizzare una riunione con Optitex a Texprocess, contattare:
Dana Aroch-Soffer
Director, Corporate Marketing
E-mail:  pr@optitex.com